Associazione
Amici di Delio Ossola

I. Nome, sede, durata, scopo

art.1
Sotto la denominazione Amici di Delio Ossola viene costituita in data 4 novembre 1999, con sede in Cureglia, un'associazione ai sensi dell'art. 60 CCS apolitica, aconfessionale e di durata illimitata.

art.2
Essa ha per scopo di favorire l'attività alpinistica della gioventù della Svizzera Italiana, in particolare, quale primo obiettivo, attraverso la realizzazione, in ricordo di Delio Ossola, di una via d' arrampicata ferrata, possibilmente sul Monte San Salvatore o eventualmente in altro luogo, la sua successiva apertura al pubblico e la sua costante manutenzione.

II. Membri

art.3
E' socio dell' associazione ogni persona fisica o morale la cui candidatura è stata accettata dal Comitato. In caso di rifiuto di una candidatura è dato ricorso all'assemblea generale.

art.4
La qualità di socio si perde con l'inoltro delle dimissioni (da inviare per iscritto entro la fine di ogni anno per l'anno successivo) o a seguito di una decisione di espulsione emanata dal Comitato. Contro quest' ultima decisione è dato ricorso all'assemblea generale.

art.5
I soci sono tenuti al pagamento della tassa sociale fissata dall'assemblea generale. Essi non sono responsabili per gli impegni contratti dall' associazione verso terzi.


III. Organi

art.6
Gli organi dell'associazione sono:
- l' assemblea generale
- il comitato
- i revisori dei conti

art.7
L' assemblea generale è l'organo supremo dell' associazione. Essa è validamente costituita qualunque sia il numero dei soci presenti.

art.8
L' assemblea generale è convocata almeno una volta all' anno dal comitato. La sua convocazione deve inoltre avvenire se un quinto dei soci ne fa richiesta scritta al comitato. Le convocazioni vanno fatte almeno con dieci giorni di anticipo sulla data prevista.

art.9
Sono di competenza dell' assemblea generale:
a) le decisioni sul ricorso di cui ai precedenti art. 3 e 4 (termine di ricorso 10 giorni dall' intimazione della decisione impugnata).
b) l' adozione e la modifica degli statuti,
c) la nomina del presidente e dei membri del comitato dell' associazione.
d) la nomina dei revisori dei conti,
e) l' approvazione dei conti consuntivi e del rapporto dei revisori dei conti,
f) la fissazione della tassa sociale,
g) lo scioglimento o la fusione dell' associazione.

art.10
Il comitato dirige l' attività dell'associazione. Esso si compone del presidente e di almeno altri quattro membri, eletti dall' assemblea generale.
Il comitato va rieletto ogni tre anni. In caso di dimissioni di un suo membro, il comitato potrà designare un sostituto che rimarrà in carica fino alla successiva assemblea generale. Il comitato designa nel suo interno le cariche di vice presidente, segretario e cassiere.

art.11
Il comitato dispone del potere decisionale per tutti i casi che non siano espressamente riservati dagli statuti all' assemblea generale o ai revisori dei conti.
Esso può delegare a uno o più dei suoi membri, o anche a terzi qualificati, parte delle sue competenze. Il comitato rappresenta verso l' esterno l' associazione e ne amministra al meglio il patrimonio. Sono di sua competenza in particolare anche la nomina del personale da eventualmente assumere per il perseguimento degli scopi dell' associazione.

art.12
L' associazione è validamente rappresentata verso terzi dalla firma del presidente o di un membro del comitato da lui designato. Con decisione unanime del comitato potrà esser data firma a terzi qualificati.

art.13
Il comitato si riunisce su convocazione del presidente ogni qualvolta necessario. Esso decide a maggioranza dei presenti: in caso di parità, fa stato il voto del presidente. Delle decisioni viene tenuto il verbale. E' riservato l'articolo 12.

art.14
I revisori dei conti, nominati dall'assemblea generale anche al di fuori del novero dei soci, verificano i conti consuntivi dell'associazione e ne fanno rapporto all'assemblea generale.

IV. Mezzi finanziari

art.15
Per il perseguimento del suo scopo, l' associazione potrà far capo, oltre alle tasse sociali, a sovvenzioni pubbliche, a donazioni o legati di privati, nonché ad ogni altra forma di introito finanziario.

V. Scioglimento

art.16
In caso di scioglimento, l' attivo netto sarà messo a disposizione di enti dediti ad attività alpinistiche.

VI. Rinvio alle disposizioni di legge

art.17
Per quanto non previsto dal presente statuto, valgono le disposizionii del CCS art. 60 segg.